sabato 10 febbraio 2007

Samurai del cazzo


10 minuti.
2 firme.
400 profumati verdoni.
2 coglioni.
Io e Spookie siamo fuori.
2 coglioni in libertà.

"Eccoci qui, amico, ancora una volta...Lo senti questo profumo? libertà, amico, libertà..."
"Eheh, hai ragione, amico, hai ragione, eheh..."
Il coglionazzo ride, gli voglio bene in fondo; ciò non toglie che il vecchio Spookie è e rimane un coglionazzo, niente di più. Un coglionazzo che ride e parla a chiasmi.

So benissimo che non sapete minimamente cosa sia un chiasmo, stronzi ignoranti, ma ora non mi va di spiegarvelo, cecchazzo, mi sono appena risvegliato da un coma, vi sembra forse che abbia voglia di perdere il mio tempo a spiegare a un branco di caproni cosa sia un chiasmo? Risposta esatta, assolutamente no. Semmai dopo, stronzi.
Ora io e Spookie, chiasmo o non chiasmo, ce la divertiamo.
Perchè? Perchè lo dico io, semplice; perchè lo dico sventolando 400 profumati verdoni, cazzo.

"Ti piacciono i samurai, Spookie?"
"Cazzo, certo che mi piacciono!...Cioè, voglio dire, a chi non piacciono, merda? Certo, amico, mi fanno impazzire, mi fanno impazzire, amico, certo."
"Eheh, sapevo che mi avresti risposto così...E allora sai cosa ti dico, mon petit amì?"
Pausa.
"Sai cosa ti dico, mon petit amì?"
Il francese non deve aver fatto breccia.
"Sai cosa ti dico, amico?"
Perchè questo mondo dimmerda mi obbliga in continuazione ad essere banale e ripetitivo?!?
"Cosa, amico?Eheh..."
Coglionazzo.
Sarà che mi sono sparato troppi film e molto spesso in condizioni troppo distorte, sarà sarà, non so cosa sarà, sta di fatto che ogni tanto ho bisogno di qualcuno che mi dia sempre il tempo della battuta; voglio dire, cazzo, se io dico: "sai cosa ti dico?" tu mi DEVI rispondere, cacchio, altrimenti non vado avanti, non si discute. Lo pretendo. Questa si chiama professionalità. E io amo la professionalità.
"Sai cosa ti dico?"
"Cosa?"
Così si fa.
"Oggi facciamo i samurai"
"I samurai?"
"I samurai"
"Fiiiico amico!!! Come ho fatto a non pensarci? I samurai, grande idea, amico. I samurai. Fico"
Per una mezz'oretta circa l'ultimo "fico" di Spookie riecheggia nelle nostre menti, accompagnando il nostro cammino verso il nulla, perchè, non so se si era capito, ma nessuno di noi due idioti ha la minima idea di dove si cominci per fare il samurai; o, meglio, io so solo che erano quegli stronzi col codino che si affettavano in cina un sacco di tempo fa, poi è arrivato Rambo o Van Damme con un paio di mitra e un bazooka e allora si sono accorti che forse le spade era meglio ficcarsele nel culo.
Il vecchio Spookie, invece, beh, è inutile anche parlarne...
E' un fottuto ignorante ma gli voglio bene.
Però se sto ad aspettare lui fra tre ore siamo ancora qui a camminare senza meta e affanculo il progetto samurai; è ora di prendere l'iniziativa.
Io credo nel progetto samurai.

"I tuoi lavorano, amico?"
"Certo fratello, lavorano. Lavorano, fratello, certo."
Mi fermo di botto.
"Nonono, frena, amico. Non ci siamo. Checcazzo ti ho detto?"
Il tonto mi guarda e non favella.
"Samurai, cazzo, Spookie. SA-MU-RA-I."
"M-ma, fratello, non capisco..."
"Ah, non capisci e insisti pure, eh? Da dove vengono i samurai, pezzo di cretino?"
Santa pazienza...
"Dalla cina, cazzo. Dalla cina o dalla fottuta corea, è uguale."
Ho anticipato la risposta per non metterlo in imbarazzo. Ignorante. Ma gli voglio bene.
"E che colore hanno quelli?"
Lo guardo con gli occhi spalancati dalla fiducia, anche se è dura. Durissima, cazzo. Avanti, ce la puoi fare, bello; dammi la risposta giusta, lo so che la sai, andiamo...
"Ehm...Giallo?"
Santo cristo, grazie.
"Esatto. E il giallo e il nero non sono uguali, giusto?"
"Nono cazzo, amico!"
Dopo la risposta giusta ha preso coraggio, il caprone...
"Cioè, voglio dire, cacchio, il giallo è giallo, il nero, checcazzo, merda...E' nero!"
Il mio genio del cazzo.
"Per l'appunto, Spo', il giallo è giallo, il nero è nero. Bruce Lee è giallo, Puff Daddy è nero."
"Esatto. Giallo e nero"
Tappa la fogna, idiota. Sto cercando di spiegarti. non ti accorgi che lo faccio per il tuo bene?
"Ora, Spò, la questione è: ti sembra forse che Il saggio Bruce, mentre si allena a pestare gli altri musi gialli nel suo monastero in culo al mondo chiami i suoi sparring partner "fratello", esattamente come fa il vecchio Puffy con i suoi amici, mentre sta in un cazzo di club negro, circondato da culotettone negre che gli lustrano tutti i suoi cazzo di anellazzi da negro, mentre sorseggia un cazzo di cocktail e sniffa coca? Te lo dico io: un bel cazzo. No, Spookie. No.
Ora siamo samurai, mettitelo in quel cazzo di testa; siamo gialli, non neri. Noi adesso pestiamo, non siamo fra le culone con gli anelli. Noi usiamo le spade ora. Togliti dalla testa la parola "fratello".
"Ah..."
Cazzo, ha afferrato subito. Non ci credo.
"E allora come dobbiamo chiamarci?"
Ohohoho, attenzione! Lo stronzo di Spookie sta cercando di fregarmi. Si si, cazzo, cerca di mettermelo nel culo, il caprone. Amico, hai sbagliato persona. Và a belare da un altra parte. Anzi, taci e seguimi. Ora mi servi.
"Andiamo a casa tua, Spo'. Ci servono degli abiti da samurai."